PROGRAMMA RASSEGNA E CONFERENZA  2021

 

Gruppi Internazionali Sciampitta 2021

bulgaria | folklore ensemble "mezdra"

L'ensemble folkloristico "Mezdra" è stato creato nel 1947 dagli operai della fabbrica "Baháva". Al giorno d'oggi, bambini, studenti e lavoratori ballano nel gruppo, con più di 200 ballerini divisi in 6 fasce d'età e un ensemble di danza rappresentativo con i migliori ballerini usciti dalla scuola. Il repertorio del programma di spettacoli comprende composizioni di danza provenienti da tutte le regioni etnografiche della Bulgaria e capolavori di danza dei luminari dei coreografi bulgari - Prof. Kiril Dzhenev, Prof. Daniela Dzheneva, Kiril Haralampiev, Ivan Todorov, Todor Bekirski e altri. Numerosi successi e spettacoli dell'ensemble si tengono in festival sia nel paese che al di fuori del nostro paese. L'ensemble ha partecipato a più di 70 festival internazionali in più di 20 paesi europei e asiatici, come Italia, Slovenia, Grecia, Serbia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia, Germania, Macedonia, Francia, Cipro del Nord, Turchia e Ucraina, Romania. Ha vinto molti primi posti e premi in diversi concorsi internazionali, ma senza dubbio il più grande riconoscimento del Golden Garagioz Competition Festival Turkey 2014 - dove i Mezdra vengono premiati con il Primo Posto. L'ensemble "Mezdra" è il vincitore del Grand Dance Award di Sofia per il 2013, per due anni consecutivi con il primo posto al concorso "Northwest Singing and Dance" nella città del Montana 2013-2014, vincitore del primo premio al al National Sheepfold Competition Festival 2014, Veliko Tarnovo, Primo posto al Grand Dance Award di Sofia 2014, Primo posto al Grand Dance Award di Sofia 2015, Primo posto al Golden Prach Competition nel comune di Chelopech 2015., molti sono i diplomi e premi della composizione, ma il più grande è sempre il riconoscimento del pubblico.

 Direttore artistico principale - Miroslav Asparuhov

 

...

romania | Ansamblul Folcloric Mugurelul

Mugurelul, l'ensemble folk studentesco dell'Università Babes-Bolyai di Cluj-Napoca è stato fondato nel 1969 e la prima composizione dell'ensemble era composta esclusivamente da studenti della Facoltà di Educazione Fisica.

A partire dal 1971, l'ensemble folk inizia a farsi notare nei festival studenteschi; nel 1974 l'ensemble vince il suo primo premio, il Greatest Award of Student Art and Creation Festival, sezione folklore. In seguito, l'ensemble ha avuto decine e centinaia di spettacoli sui palcoscenici nazionali e internazionali - con partecipazioni negli ultimi anni a importanti festival in paesi come Slovenia, Estonia, Polonia, Grecia, Francia, Italia, Germania, Paesi Bassi o Bulgaria.

Recentemente questo prestigioso ensemble ha festeggiato 50 anni di continua attività che ha creato e formato più di dieci generazioni di danzatori.

Come per tutte le formazioni studentesche, la gioventù è garanzia di prestazioni di qualità, comprovata dai successi degli oltre 50 tornei in tre continenti, e da numerosi diplomi e riconoscimenti.

Dal 2015 la direzione artistica e la coreografia dell'ensemble è firmata da Alina e Paul-Alexandru Remeș. Laureati dell'Accademia Nazionale di Musica di Cluj-Napoca, il profilo delle Arti della Performance Musicale, con oltre 10 anni di esperienza nella coreografia e nella pedagogia della danza popolare rumena, hanno avuto innumerevoli risultati, premi e partecipazioni a nazionali e festival internazionali. Perseveranza e professionalità rappresentano il loro biglietto da visita nel campo della danza popolare tradizionale rumena.

Con loro, il repertorio dell'ensemble ha ricevuto una nuova forma che unisce le tradizioni autentiche dei villaggi con le arti musicali dello spettacolo.

ungheria | Forràs folk ensemble

MARCHE | LA GIORSTRA DELLA QUINTANA

Il Forràs folk Ensemble fu fondato nel 1984 alla mihàly Vorosmarty secondary school of Erd. Un anno dopo iniziò la corsa fortunata del Forràs quando si trasferì a Sazhalombatta. Grazie alla regolare partecipazione dei festival nazionali, il Forràs diventò un ben noto gruppo in Ungheria in poco tempo. Dopo le tante apparizioni, la danza popolare fu acclamata e divenne molto popolare a tal punto che il  numero dei ballerini fosse intorno ai 500. Dopo 9 anni dalla fondazione del gruppo, raggiunse il più alto riconoscimento professionale, chiamato “Golden 1”. Si riconfermò con questo premio per 6 volte di fila tra il 1998 e il 2008.

Nel 2003 fu fondata un’altra organizzazione e le fu dato il nome del ballerino folk Ferenc Pesuàr. Oggigiorno, approssimativamente, imparano la danza folk  circa 500 bambini che si preparano per entrare nel Forràs Folk Esemble.

Le prove del gruppo sono tenute da famosi ballerini e conosciuti maestri. È fondamentale essere atletico durante le perfomance, così come è importante la teatralità.

Negli ultimi anni il gruppo ha visitato più di 60 paesi per diffondere la cultura ungherese all’estero. I ballerini ungheresi hanno rappresentato l’Ungheria in tutti i paesi d’Europa, Stati Uniti, Giappone, Messico, Portorico, Taiwan, Venezuela, Syria, Egitto, e ultimo ma non per importanza Israele.

Il repertorio del gruppo non vanta solo danze ungheresi, ma anche danze straniere (Transilvania, Upland) che sono ballate con vestiti tradizionali.

Il gruppo ha fatto anche rappresentazioni teatrali denominate “The Hummer of the Village”, “Litigation about the anion”, “Thousends of brances of the tree”.

Vengono istriti al ballo, bambini dai 6 ai 18 anni alla scuola “Pesovar Ferenc” che ha dipartimenti in diverse città come: Ercsi, Erd, Diosd, Sazhalombatta e tàrnok.

La fondazione del gruppo ungherese ha organizzato il “Summerfest international Folklore festival and folkart fair”  dal 1994 a oggi. A questo festival partecipano ogni anno circa 25 gruppi provenienti da tutto il mondo, ospitando circa 13000 ballerini.

 

La Giostra della Quintana è una rievocazione storica di origine medievale con giostra equestre, che si tiene ad Ascoli Piceno.

Vi partecipano i sei Sestieri in cui la città è divisa: Piazzarola, Porta Maggiore, Porta Romana, Porta Solestà, Porta Tufilla e Sant'Emidio.

La Rievocazione riporta la città al Medioevo, ogni anno, ininterrottamente, dal 1955 ma si basa sugli antichi statuti cittadini redatti nel 1377 che assicurano che già allora fosse consolidata abitudine che questo torneo concludesse la giornata del 5 Agosto in cui si tenevano i festeggiamenti in onore di Sant'Emidio.

 

Questi fondamentali documenti ci restituiscono con una estrema vividezza quanto avveniva in questa occasione che doveva essere solennizzata "con solempnità de jochi et de balli, alegramente".

In onore del Patrono doveva, tra le altre cose, essere portato un pallium, ossia un tessuto di velluto, tradizione arrivata fino ai giorni nostri poiché al sestiere vincitore di ogni competizione viene consegnato un drappo in velluto dipinto, il Palio appunto.

 

L’evento si tiene due volte l'anno, a Luglio e ad Agosto. L'edizione di Luglio è dedicata alla Madonna della Pace e si svolge la sera del secondo Sabato di Luglio, mentre l'altra, chiamata anche "della tradizione" si corre nel pomeriggio della prima domenica di agosto, in occasione della festa di Sant'Emidio, patrono e primo vescovo storicamente attestato della città, in onore della quale è corsa.

 

L'intera manifestazione della Quintana si compone di vari eventi che hanno svolgimento nel corso di tutta l’estate, la Lettura del Bando (che viene effettuata per entrambe le edizioni della Giostra), il Palio degli Sbandieratori e Musici, il Saluto alla Madonna della Pace, la Giostra di Luglio (preceduta dal corteo), il Palio degli Arcieri, l'Offerta dei Ceri, ed infine la Giostra di Agosto, anch'essa preceduta dallo stesso corteo che si svolge a luglio.

 

Per la città di Ascoli rappresenta l'espressione e la sintesi delle tradizioni, della sua storia e dell'indissolubile legame al territorio ricordato dagli antichi patti di alleanza di cui alla Quintana se ne rievoca la memoria. La manifestazione è molto seguita e sentita da tutti gli ascolani che si preparano per questo evento durante tutto l'anno.

 

Ognuno dei sei sestieri della Quintana di Ascoli Piceno dispone di un proprio gruppo, composto da Sbandieratori e Musici (tamburi e chiarine) che ogni anno si affrontano, nel primo fine settimana di Luglio, nella sfida loro dedicata. Un evento diventato, negli anni, fra gli appuntamenti più attesi della stagione quintanara, seguito da appassionati provenienti da tutta Italia.

 

Oltre al Palio loro dedicato sbandieratori e musici partecipano attivamente alla Giostra della Quintana, dando ritmo (con tamburi e chiarine) al passo dei figuranti e colore con le evoluzioni delle bandiere durante il corteo. Prima dell’inizio della Giostra, invece, si tiene un’esibizione collettiva, con sbandieratori e musici di tutti i Sestieri che si esibiscono al Campo dei Giochi con un numero di oltre 50 elementi.

 

Tutti i Sestieri sono iscritti alla FISB, la Federazione Italiana Sbandieratori e Musici, e partecipano con successo ai campionati nazionali che vengono organizzati annualmente.

Ogni Sestiere dispone poi di una propria Scuola Sbandieratori e Musici dove, fin da bambini, si insegnano il gioco della bandiera, il ritmo dei tamburi e gli squilli delle chiarine.

 

La caratteristica “Bomba” (lancio personale altissimo che raggiunge i 15/20 metri di altezza) è il simbolo della tradizione ascolana di “Lanciatori di Bandiere”.

SARDEGNA | ASSOCIAZIONE CITTA' DI QUARTO 1928

Il gruppo folk "Città di Quarto", fondato nel 1928,  nasce con lo scopo di studiare e divulgare nell’ambito regionale, nazionale ed internazionale, gli usi, le tradizioni e i costumi del folklore di Quartu e della Sardegna.

Nel corso degli anni ha effettuato centinaia di concerti nei più prestigiosi festivals internazionali di folklore nei quattro angoli del Mondo: in quasi tutta l'Europa (Svizzera, Austria, Francia, Spagna, Portogallo, Inghilterra, Danimarca, Svezia, Belgio, Olanda, Romania, Ungheria, Polonia, Croazia, Slovenia,  Romania e Grecia), in Medio Oriente (Turchia) , in Africa (Algeria e Tunisia), in America Latina (Argentina e Brasile), in America del Nord (Mexico), in Asia ( Cina ai festivals di Pechino, Nanchino e Shanghai)  contribuendo non poco alla diffusione della musica, dei canti, degli strumenti e dei rituali tradizionali  popolari di Quartu e della Sardegna.

Grazie alla partecipazione dell’associazione a questi prestigiosi festivals il nome della nostra città è conosciuto in tutto il Mondo e sicuramente il “Città di Quarto”  ha svolto una veicolazione  del nome della nostra città che non ha eguali.

Nel  1976 ha creato una scuola di ballo e di tradizioni popolari aperta ai ragazzi per infondere in loro l'amore per la cultura delle tradizioni popolari  che tanta importanza ha per l'identità dei sardi. I corsi oltre che essere effettuati nella sede sociale del gruppo vengono effettuati anche direttamente nelle scuole elementari, medie e superiori. La scuola sin d’allora ha funzionato senza interruzione facendo avvicinare al mondo delle tradizioni migliaia di persone

L'associazione ha collaborato alla realizzazione di diverse  pubblicazioni su argomenti inerenti  i vari aspetti delle tradizioni popolari:

- Le analogie tra i riti  fenicio-punici del Sardus Pater  e la sagra di S. Giovanni;

- “I Costumi di Quartu S. Elena”.

Dal 1985 organizza “Sciampitta”  una Rassegna Internazionale di Espressioni Popolari che si svolge a Quartu S. Elena, 3^ città della Sardegna, nella seconda decade di luglio . Il festival internazionale del folklore  ha portato in città più di 120 gruppi folklorici provenienti da tutto il Mondo. Suoni e colori da tutto il Mondo hanno fatto diventare Sciampitta un appuntamento classico per l’estate quartese. Quest’anno la rassegna celebra la 25^ edizione .

 

Associazione Città di Quarto 1928 | Via Allegri 15 - Quartu sant'Elena  |  folkcittaquarto@tiscali.it  |  +39 339 1573868   +39 392 6224301